Felice mese degli appassionati: scopri la promo.

Ci vuole orecchio

Dimentica concorsi, manifestazioni in piazza e concerti. Scegli il tuo posto preferito, quello in cui ti rilassi e recuperi le energie. Resta da solo o condividi il momento con chi ami. Poi stappa una Tarì.

Per un momento di degustazione come questo non serve essere esperti, basta essere appassionati.
E se durante l’anno ti raccontiamo stili, tecniche e abbinamenti è solo per farti vivere pienamente il momento in cui sorseggerai la tua birra artigianale preferita.

il sound della birra artigianale

Il primo senso ad attivarsi sarà la vista, poi a seguire l’olfatto, il gusto e infine il tatto.
Le sensazioni che ti restituirà la tua birra già dal primo sorso saranno fondamentali. E probabilmente alcuni di questi aspetti ti colpiranno particolarmente, come i profumi o la corposità della schiuma. Ma hai mai provato a usare l’udito?

Lo scenario che ti abbiamo descritto in apertura è quello di una degustazione appartata, un contesto quasi intimo in cui vorremmo provassi a coinvolgere il senso che molti tendono a escludere quando parliamo di beverage, l’udito.

Ci sono almeno due momenti in cui l’udito può aggiungere un dettaglio importante.

Il primo coincide con il gesto di aprire e versare la birra nel bicchiere, azioni che anticipano la bevuta (e in alcuni casi aumentano la salivazione…) e che hanno un valore psicologico molto importante per tutte le sensazioni positive innescate dalla loro musicalità unica.

Il secondo segue subito dopo e si tratta di una contemplazione… sonora!
Dopo esserti accertato della tua solitudine, avvicina l’orecchio alla birra appena versata e goditi il sound.

Se accanto a te non hai amici fidati, ecco come descrivere scientificamente le tue azioni. Lo “scoppiettare” della schiuma indica i livelli di carbonazione, cioè la quantità di anidride carbonica che si è creata durante la rifermentazione in bottiglia. Da una schiuma lievemente rumorosa a una tumultuosa potresti scoprire suoni che non immaginavi esistessero.

Non solo. Non sei curioso di sapere se le nostre Tarì hanno tutte lo stesso sound?
Acquista le tue “cavie” qui.

Articoli correlati